Ma è una facciata “, ha detto a KHN il bioeticista Arthur Caplan, PhD

Ma è una facciata “, ha detto a KHN il bioeticista Arthur Caplan, PhD

Puoi diagnosticare il paziente? Fare clic qui per utilizzare il generatore di differenziali in VisualDx per aiutarti.

13% A. Sindrome dell’intestino irritabile

311% B. Malattia di Fabry

103% C. Celiachia

44% D. Sarcoidosi

Apprendimenti

Ulteriori informazioni su questa diagnosi sul sito VisualDx: fare clic qui ora.

Se non sei un abbonato a VisualDx, registrati per una prova gratuita.

VisualDx è un ottimo modo per risparmiare tempo e coinvolgere i pazienti al punto di cura dal tuo computer o dispositivo mobile.

471 Voti Commento " ,

La profilassi antitrombotica per i pazienti COVID-19 ospedalizzati, adattata ai risultati della tromboelastografia (TEG) sulla coagulopatia, è stata associata a risultati migliori in uno studio monocentrico.

Tra i 100 pazienti COVID-19 che hanno ricevuto TEG con un test di mappatura piastrinica (TEG-PM) al momento del ricovero in un centro dove era di routine per i pazienti ipossemici nel pronto soccorso, la morte era 7,7 volte più comune tra coloro il cui trattamento non ha avuto seguire l’algoritmo di trattamento guidato da TEG (17 su 28 [60,7%] contro quattro su 72 [5,6%], P

Anche altri risultati sono stati più poveri rispetto a coloro la cui cura ha seguito l’algoritmo, Tjasa Hranjec, MD, del Memorial Regional Hospital di Hollywood, Florida, e colleghi riportati in Critical Care Explorations.

Ventilazione meccanica successiva (rischio relativo [RR] 10.9, PA danno renale acuto (RR 2.3, P = 0.0017) Dialisi (RR 7.8, P

"Dato l’enorme volume di pazienti a cui viene diagnosticato COVID-19, potrebbe non essere possibile eseguire il test TEG-PM in ogni paziente COVID-19 confermato," hanno suggerito i ricercatori. "Ma sulla base di questi risultati preliminari, i pazienti ad alto rischio con declino respiratorio o altra insufficienza d’organo precoce dovrebbero ricevere una valutazione TEG-PM e, secondo tutte le indicazioni, prima è meglio è."

Non tutti i centri hanno la TEG disponibile, ha commentato Todd Rosengart, MD, del Baylor College of Medicine di Houston, il cui gruppo aveva precedentemente scoperto che la TEG era un buon predittore di eventi trombotici correlati a COVID nell’unità di terapia intensiva.

Tuttavia, lo studio di Hranjec e coautori "sembra davvero confermare l’importanza di una sorta di sofisticato profilo di coagulazione come il TEG," Rosengart ha detto a MedPage Today.

Ha definito i risultati sorprendenti nonostante i molti limiti di progettazione dello studio osservazionale, come il potenziale di bias di indicazione e altri fattori di confusione. Le prove controllate randomizzate dovrebbero essere il passo successivo, ha detto.

Questo tipo di approccio ha un potenziale clinico, ma lo è ancora "molto lontano da quello fin d’ora," ha commentato Jeffrey Berger, MD, direttore della trombosi cardiovascolare presso la New York University School of Medicine di New York City.

I principali studi clinici in corso per la profilassi antitrombotica contro la coagulazione anormale osservata con COVID-19 non hanno incluso tali approcci su misura, cercando invece strategie da applicare a tutti i casi in un dato contesto.

La strategia ottimale, tuttavia, potrebbe finire per mettere a punto tali risultati in base al profilo di coagulazione, ha sostenuto Rosengart, sottolineando l’alto tasso di mortalità nel gruppo di pazienti non algoritmici nonostante il fatto che il 70% di loro abbia ricevuto anticoagulanti completi.

La ricezione di una terapia antipiastrinica guidata da TEG con mappatura piastrinica è stata associata con l’82% in meno di slim4vit numero verde decessi (29% vs 4%), mentre l’anticoagulazione con eparina o enoxaparina (Lovenox) ricevuta contro l’algoritmo è stata associata a un rischio di mortalità 10,3 volte maggiore (43% vs 4%).

"In modo ottimale, il trattamento anticoagulante dovrebbe essere personalizzato in base al TEG-PM poiché alcuni pazienti coagulopatici con COVID-19 sono effettivamente “ ipocoagulabili ”, indicando un rischio di sanguinamento, mentre molti altri hanno una significativa disfunzione dell’attività piastrinica che crea lo stato di “ ipercoagulabilità ”," hanno scritto i ricercatori.

"Alcuni pazienti non rispondono ai farmaci di prima linea e, pertanto, i test e i protocolli TEG-PM in corso sono indicati anche per guidare le fasi successive del trattamento," ha aggiunto il team.

Lo studio ha incorporato TEG-PM sia al basale che ripetuto ogni 48-72 ore o con qualsiasi deterioramento clinico significativo per facilitare la titolazione della terapia antitrombotica. L’algoritmo specificava la dose di enoxaparina e la considerazione per l’aggiunta o il mantenimento di aspirina (o clopidogrel o ticagrelor [Brilinta] in caso di determinati marker persistentemente elevati) sulla base di soglie specificate per piastrine e fattori di coagulazione.

Crystal Phend si concentra sulla cardiologia come editore associato a MedPage Today. Seguire

Divulgazioni

I ricercatori non hanno rivelato relazioni rilevanti con l’industria.

Rosengart non ha rivelato relazioni rilevanti con l’industria.

Fonte primaria

Esplorazioni di terapia intensiva

Fonte di riferimento: Hranjec T, et al "Uso integrale della tromboelastografia con mappatura piastrinica per guidare un trattamento appropriato, evitare complicazioni e migliorare la sopravvivenza dei pazienti con coagulopatia correlata alla malattia da coronavirus 2019" Crit Care Expl 2020; DOI: 10.1097 / CCE.0000000000000287.

Benvenuti all’ultima edizione di Investigative Roundup, che mette in evidenza alcuni dei migliori rapporti investigativi sull’assistenza sanitaria ogni settimana.

Perché non sono mai scesi da terra

Haven, l’impresa sanitaria lanciata tre anni fa da Amazon, Berkshire Hathaway e JPMorgan Chase, è andata in pezzi perché uno dei suoi partner ha avviato la propria divisione di servizi sanitari indipendente che competeva con il progetto congiunto, riferisce STAT.

Haven ha annunciato la scorsa settimana che chiuderà a febbraio. Dopo aver promesso di semplificare l’accesso alle prescrizioni e alle cure primarie, non ha mai creato un singolo prodotto per la salute dei consumatori.

Amazon, nel frattempo, ha lanciato separatamente diversi prodotti e raggiunto partnership da quando è nato Haven. Il gigante della vendita al dettaglio online aveva già alcune iniziative sanitarie in cantiere quando Haven è stato lanciato, ma non ha condiviso i suoi piani con i dipendenti Haven e ha aggiunto altri servizi anche se Haven stava cercando di implementarne uno proprio.

Lancio di Amazon Care a settembre 2019 "accecato" Dipendenti Haven che stavano lavorando su una piattaforma molto simile, ad esempio. Il CEO di Haven Atul Gawande, MD, ha lasciato nel maggio 2020 mentre Amazon continuava a espandere i suoi servizi sanitari. L’impennata rapida e imprevista della telemedicina durante la pandemia non ha aiutato le cose per Haven.

"Tutti stanno cercando di interrompere l’assistenza sanitaria utilizzando la tecnologia emergente per risolvere l’esperienza del consumatore. [Amazon Web Services] possedeva il pezzo tecnologico. Amazon Care possedeva il pezzo di consumo. Cosa restava per Haven?" Jeff Becker, analista senior di Forrester, ha detto a STAT. "Haven ha decisamente ottenuto il lato corto del bastone."

I coniugi politici saltano in cima alla fila di Vax

I leader politici ei loro coniugi hanno ricevuto il vaccino COVID-19 prima dei componenti identificati come più vulnerabili alla malattia, riferisce Kaiser Health News, provocando proteste in alcuni stati.

Oltre al presidente eletto Joe Biden, al vicepresidente eletto Kamala Harris e al vicepresidente Mike Pence, anche i loro coniugi hanno ricevuto dosi di vaccino. Così come molti governatori statali e i loro coniugi, nessuno apparentemente appartiene a gruppi nella fase 1a del lancio. In Kentucky, sono stati vaccinati sei ex governatori e quattro ex first lady.

I politici ei loro sostenitori sostengono che stanno dando l’esempio per coloro che esitano a ottenere il vaccino.

I critici hanno notato che le persone sono molto più propense a seguire le azioni di figure religiose, atleti professionisti e altre celebrità rispetto ai politici. Elvis Presley ricevette il vaccino antipolio molto pubblicamente nel 1956, ad esempio, per incoraggiare gli americani a ottenere quel nuovo vaccino.

"Sembra più un taglio in linea che una garanzia di fiducia. I politici possono convincere gli ospedali a darlo a loro con l’illusione di costruire fiducia. Ma è una facciata" Il bioeticista Arthur Caplan, PhD, ha detto a KHN.

Gli ospedali in genere non vaccinano i coniugi dei loro lavoratori, osserva il punto vendita.

Poi di nuovo…

Forse non i coniugi, ma alcuni ospedali sembrano spostare altre persone apparentemente non ammissibili nella priorità di vaccinazione, ha scoperto il New York Times.

Non sono solo i migliori amministratori – che gli ospedali potrebbero sostenere sono troppo essenziali per lasciare non protetti – ma anche studenti laureati, lavoratori di laboratorio e altri senza alcun contatto con i pazienti.

Il Langone Medical Center della New York University, ad esempio, ha affermato che vaccinerà tutti i membri del personale una volta che coloro che interagiscono con i pazienti avranno ricevuto i loro colpi. "Non è stata fatta menzione di anziani o altri gruppi prioritari specificati dallo Stato di New York," il Times ha notato.

In tutta onestà, tuttavia, un precedente rapporto del Times aveva scoperto che le caratteristiche dei vaccini stessi stavano portando a sforzi frenetici per trovare qualcuno, chiunque, da vaccinare per non sprecare le dosi. Il vaccino di Moderna, ad esempio, è disponibile in flaconcini da 10 dosi che devono essere utilizzati entro poche ore dalla chiusura. Gli ospedali cercano di programmare 10 persone alla volta, ma mancate presentazioni e rifiuti dell’ultimo minuto possono lasciare il personale a dover decidere se eliminare le dosi extra o darle ad altre persone che attualmente non si qualificano.

"Le persone non si tengono per mano in blocchi da 10 per venire a farsi vaccinare," ha detto un amministratore della clinica.

Ryan Basen riferisce per l’azienda di MedPage & squadra investigativa. Ha lavorato come giornalista per più di un decennio, guadagnando riconoscimenti nazionali e statali per il suo lavoro investigativo. Scrive spesso su questioni riguardanti la pratica e gli affari della medicina. Seguire

Questa storia è stata originariamente pubblicata il 29 luglio 2020. Come parte della revisione di MedPage Today delle principali storie dell’anno passato, la ripubblichiamo insieme a un aggiornamento sull’attività del gruppo da allora.

L’ultimo video virale che promuove la disinformazione COVID-19 presenta un gruppo di recente formazione chiamato America’s Frontline Doctors. Circa 10 medici, vestiti in camice bianco con il logo ricamato dell’America’s Frontline Doctors, hanno parlato per 45 minuti di fronte alla Corte Suprema lunedì su una serie di argomenti di discussione COVID-19, dall’idrossiclorochina (HCQ) che è curativa agli effetti sulla salute mentale di blocco che supera il pedaggio del virus stesso.

Ma nessuno dei membri più vocali ha pratiche che li collocherebbero in prima linea nella pandemia COVID-19.